Francesco e la fede nella chiesa

frPaolo - 02 maggio 2013Visualizzato 649 volte

..desta impressione il fatto che Francesco utilizzi il termine "fede" non solo in relazione a Cristo e a Dio ma anche alle chiese e ai sacerdoti. Pensiamo alle note espressioni usate nel Testamento:"E il Signore mi dette una fede tale nelle chiese, che io così semplicemente pregavo e dicevo: ti adoriamo, Signore Gesù Cristo, anche in tutte le tue chiese che sono nel mondo intero e ti benediciamo, perché con la tua santa croce hai redento il mondo. Poi il Signore mi dette e mi dà una così grande fede nei sacerdoti che vivono secondo la forma della santa Chiesa Romana, a motivo del loro ordine, che se mi facessero persecuzione, voglio ricorrere proprio a loro".... Francesco può adorare Cristo salvatore perché ha fede nelle chiese, così da adorarlo proprio in esse.E' molto importante per la dinamica francescana della fede coglier come non si possa arrivare a Dio se non per mezzo della fede in Gesù Cristo, ma anche come non si arrivi a Cristo se non attraverso la fede nelle chiese e nei sacerdoti..... chiese e sacerdoti non indicano qualche cosa in più in cui credere, ma manifestano, piuttosto, come accada la vita della fede nella sua concretezza esistenziale.... La fede di Francesco è sempre ben situata.... quando egli guarda una chiesa, una croce, oppure entra in un edificio sacro, viene riempito da una tale fede da essere portato ad abbracciare con il suo pensiero tutte le altre chiese del mondo intero e ad estendere ovunque un profondo atteggiamento di adorazione per il suo Signore.

[liberamente tratto da "Dammi fede diritta" di Paolo Martinelli]